iXvoice: il credito d'imposta sale al 50%

Per il 2021 la scaletta delle agevolazioni fiscali fissate dalla nuova legge di bilancio cambiano rispetto al 2020 e sono in dettaglio:

  • credito di imposta del 50% per la quota di investimento fino a 2,5 milioni di euro;
  • credito di imposta del 30% per la quota di investimento oltre 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
  • credito di imposta del 10% per la quota di investimento oltre i 10 milioni di euro.

Nel 2022 il primo scaglione tornerà al 40%, come è stato nel 2020.

 

Quali beni ottengono il credito d'imposta

Ovviamente l’agricoltura è interessata soprattutto al primo scaglione, quello del 50%, che riguarda l’acquisto dei seguenti beni:

  1. beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite sensori;
  2. sistemi di misura e monitoraggio della sostenibilità e della qualità di ciò che si produce;
  3. dispositivi intelligenti per l’interazione uomo-macchina.

Il dettaglio dei software ammissibili lo si può leggere nell’allegato B annesso alla legge 11 dicembre 2016 n. 232.

 

Le scadenze

Il credito vale per investimenti effettuati dal 1° gennaio 2020 sino al 30 giugno 2023, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari ad almeno il 20% del costo totale del bene.

 

Perizia tecnica o attestato di conformità

Per i beni di costo superiore ai 300 mila euro è obbligatoria una perizia tecnica e/o giurata, mentre per quelli inferiori ai 300 mila euro è sufficiente un’autocertificazione. In entrambi i casi è comunque necessaria l’interconnessione prima di procedere con autocertificazione o perizia.

 

Il pacchetto 4.0 di Kverneland

Dato per scontato che si parla esclusivamente di attrezzature ISOBUS, il fattore chiave per ottenere il credito di imposta è il sistema informativo aziendale, che in casa Kverneland si chiama IsoMatch FarmCentre e che deve essere collegato al terminale IsoMatch Tellus PRO e all’IsoMatch GEOCONTROL 1.06.1.1, così da chiudere il cerchio con lo scambio continuo di informazioni tra il campo e il centro aziendale, come richiesto dalla normativa.

FarmCentre può essere utilizzato per più macchine, acquistate anche in un secondo tempo, e si può collegare contemporaneamente a due attrezzature che lavorano in campo.

Kverneland fornisce l’attestato di conformità delle attrezzature (al momento per semina, concimazione, diserbo e rotopresse) a cura di Apave Italia Cpm che ha valore legale e offre ai suoi concessionari tutto il supporto necessario per redigere le attestazioni che sono di competenza degli utilizzatori che fanno richiesta del credito di imposta 4.0.

Hai delle domande? Vuoi maggiori informazioni?