Lavorazioni conservative e sistemi di precisione: l'incontro Kverneland nelle Marche

Il nostro concessionario Lampacrescia di Recanati il 23 febbraio scorso ha organizzato, in collaborazione con Kverneland Group Italia, un incontro tecnico per agricoltori e contoterzisti incentrato sulla minima lavorazione del suolo e sull’agricoltura di precisione.

Kverneland, the Isobus Company

Eleonora Benassi, amministratore delegato di Kverneland Group Italia, ha aperto l’incontro con una presentazione del Gruppo Kverneland nel mondo, che oggi viene riconosciuto come “The Isobus Company” grazie all’invenzione del protocollo Isobus 11783 e agli oltre 80 modelli Isobus commercializzati, che ne fanno un leader assoluto della nuova frontiera dell’agricoltura di precisione.

Kverneland, ha ricordato Eleonora Benassi, è uno dei sette fondatori dell’AEF, una organizzazione indipendente nata nel 2008 che ha la funzione di coordinare l’implementazione degli standard dell’elettronica in agricoltura e di certificare tutti i sistemi e le attrezzature Isobus, per evitare i problemi di incompatibilità che ci furono soprattutto nel passato nel "colloquio" attrezzatura e trattore.

 

Le due strade per recuperare redditività

Roberto Bartolini, consulente agronomico di Kverneland Group Italia, ha sottolineato come oggi viviamo in Italia una vera e propria “emergenza cereali”, data la forte diminuzione di superfici investite a mais e a grano duro dovuta alle crisi di prezzo degli ultimi anni, ma anche a costi di produzioni troppo elevati.

Su quest’ultimo versante occorre implementare nuove tecniche di gestione del suolo, come per esempio la minima lavorazione al posto delle arature, e utilizzare attrezzature per la semina, la concimazione e il diserbo, che eliminino gli sprechi in campo e che permettano di distribuire i mezzi tecnici in dosi variabili, a seconda della maggiore o minore fertilità del terreno.

 

I sistemi esclusivi di Kverneland

Sandro Battini, direttore commerciale di Kverneland Group Italia, ha illustrato le peculiarità tecniche dei “Fantastici Quattro”: CLC, QUALIDISC, KULTISTRIP e la seminatrice U DRILL, le punte di diamante di Kverneland per la minima lavorazione del suolo e la semina dei cereali vernini contemporanea a una leggera lavorazione, in un solo passaggio.

Per quanto riguarda il capitolo della “precisione”, Battini ha sottolineato come il punto di partenza sia l’acquisto di un trattore e di un'attrezzatura 100% Isobus, rimarcando le notevoli differenze che ci sono tra le diverse offerte del mercato e che l’agricoltore per effettuare un acquisto giusto, può imparare a conoscere consultando il sito ufficiale di AEF.

In tema di concimazione, che era uno degli argomenti più sentiti dell’incontro, lo spandiconcime Kverneland Exacta GEOSPREAD è certamente la massima espressione di precisione nella distribuzione dei concimi oggi sul mercato. Il sistema esclusivo di distribuzione Centre Flow, la gestione differenziata delle 24 sezioni da 2 metri cadauna che evita tutti gli sprechi, il sistema brevettato di pesatura sono solo alcuni dei punti di forza di un'attrezzatura vincente sui mercati mondiale e italiano, che permette anche di effettuare le dosi variabili sulla base delle mappe di prescrizione, per aumentare la produzione dove le condizioni di fertilità del suolo lo permettono. Il che significa un ritorno in pochi anni dell’investimento effettuato.

L’incontro Lampacrescia-Kverneland ha suscitato molto interesse ed è stato seguito con molta attenzione dagli intervenuti, che hanno compreso come, grazie all’innovazione tecnologica, abbiano la possibilità di migliorare la redditività aziendale, razionalizzando l’uso dei mezzi tecnici.

Un ringraziamento speciale al sig. Cleto Lampacrescia, al figlio Marco e a tutto il suo team per avere organizzato questo interessantissimo pomeriggio.

Ecco alcune foto della giornata.

News